L’Elzeviro dei Tribuni n.14: La solita Colonia

Quel che si è visto tra ieri e oggi venir fuori dai palazzi della politica italiana è il segno di una definitiva abdicazione dell’Italia come entità statuale sovrana. Non che prima nuotassimo felicemente in buone acque, ma da oggi tutti, nessuno escluso, hanno definitivamente calato la loro maschera. E non solo quella. Possono strepitare e accapigliarsi quanto vogliono i rispettivi ultras di parte in quello che è da sempre lo sport prediletto dagli italiani, ovvero tifare (molto meno il ragionare). Cari ultras, oggi l’Italia è ANDATA A FONDO!
Ma lo si era già capito da giorni.
Ci è andata dal 20 di agosto con le parole di un premier che ha dimostrato inequivocabilmente di essere stato acquisito alla causa di quei poteri apolidi e transnazionali che da sempre trattano l’Italia come una Cenerentola. Ci è andata con le non parole ed il vuoto pneumatico di un Di Maio che pare essere stato catapultato in un gioco più grande di lui e non di essere il capo del primo partito di governo. Ci è andata con la solita cantilena di slogan di Renzi, ormai divenuto l’uomo di riferimento e considerato un fedelissimo tanto dalle vestali della eurocrazia quanto da qualsiasi amministrazione a stelle strisce.
Ma soprattutto ci è andata proprio con colui che del sovranismo aveva fatto una ragione di battaglia, o almeno così dava ad intendere, ossia quel capitano Salvini che snocciolando i soliti triti e ritriti anatemi di circostanza per difendersi dai prevedibili attacchi, ha dimostrato di essere il primo a non credere nell’opzione PRE RIVOLUZIONARIA che dalla sua mossa avrebbe potuto scaturire. Invece di tentare un rafforzamento reale delle sue posizioni magari ingoiando rospi per altri 12 mesi e stando più sulle cose serie invece di fare campagna elettorale per le spiagge o a inciuciare con morti viventi come Berlusconi e Verdini, avrebbe dovuto caricarsi sulle spalle l’Italia e dimostrare di essere veramente un Capitano con la lettera maiuscola. Evidentemente la paura di non poter mantenere le promesse fatte e di dover affrontare a settembre il DEF è stata più forte dell’orgoglio e della responsabilità di chi è CAPITANO sul serio! Così in un colpo solo si è sgravato di una responsabilità che non voleva, ha fatto contento almeno uno dei suoi protettori (Trump) che non desiderava un governo troppo sovranista e filo orientale e ritorna ad abbaiare dall’opposizione dove riesce a destreggiarsi al meglio.
Un disastro totale! Tutti, nessuno escluso.
Il proditorio – e anche un pò ridicolo – tweet del Presidente degli Stati Uniti con il suo endorsment per Giuseppe Conte, sta semplicemente a dimostrare, che Trump non avrà la Groenlandia pagando, ma che l’Italia senza pagare gli è stata nuovamente confermata senza colpo ferire.

F.V.

3 pensieri su “L’Elzeviro dei Tribuni n.14: La solita Colonia

  1. come volevasi dimostrare: giallo-verde/giallo-rosso, un caleidoscopio di colori per illudere il famoso popolo sovrano. Ma sempre e comunque bandiera a stelle strisce.

    "Mi piace"

  2. “Giuseppi” Conte accetta l’incarico.
    La “Fase 1” è riuscita.

    La “Fase 2” è stata preannunciata dalla frasetta buttala lì: <>.
    Esiste qualcuno di più “tecnico & competente” dell’uscente Boss della Bce?

    I peninsulari lacchè di Angela ed Ursula, si stanno predisponendo a srotolare la corsia rossa per Mario Draghi?
    Draghi; il Deus ex machina momentaneamente travestito da “ministro tecnico”.

    "Mi piace"

  3. permesso accordato ad ALTER. precisazione per LUCA: quanto afferma Berto Ricci la condivido. MA adesso l’immigrazione è un’altra cosa rispetto al concetto espresso da Ricci. E’ la ripresa del piano KALERGY con lo scopo di fare del meticciato la sostituzione antropologica delle popolazioni europee.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.