Dal Subprime (SUPRD-07) al CoronaVirus (COVID-19)

Sono decenni che in Europa e nel Mondo, si susseguono avvenimenti che hanno prodotto effetti nefasti e la cui sequenza sembra indicare uno schema. L’ingresso della moneta unica nel nostro continente, ha condotto mezza Europa ad un impoverimento della popolazione. In Italia già dopo un anno dal suo ingresso si era rilevato un allargamento della forbice in relazione alla capacita di spesa della maggior parte degli italiani (lavoratori dipendenti) e di chi invece, aumentava il proprio fatturato, in particolare chi importava dall’estero merci già preconfezionate, da paesi che utilizzano altre valute e con bassi costi di produzione (Cina in testa), continuando a pagare le forniture allo stesso prezzo ma rivendendo i prodotti al doppio del prezzo precedente. Nè i governi di centrosinistra (in quota Goldman Sachs) nè quelli di centrodestra (iperliberalisti), hanno pensato di introdurre delle norme che impedissero di speculare sul cambio della moneta, anche perche a guadagnare dalla speculazione sui prezzi al consumo, era lo Stato stesso, incassando il doppio dell’IVA che incassava quando in Italia ancora circolava la Lira.

Nel 2007 arrivò la crisi provocata dalla più grande truffa mai realizzata$, quella dei dei SUB-PRIME (SUPRD-07), ad opera di banche anglo-statunitensi, che infettarono il sistema economico/finanziario europeo con prodotti finanziari tossici marci fino al midollo, innescando la crisi che tutti noi conosciamo. Da notare che molti uomini vicini a Goldman Sachs furono investiti di importanti compiti istituzionali sia in ambito nazionale che internazionale tra i quali spiccano appunto Prodi, Draghi, Monti, Barroso, etc. Nel frattempo, La Cina diventava il primo Paese al mondo nelle esportazioni, con un PIL medio a doppia cifra, e tutto ciò grazie all’ingresso della stessa nel  WTO. Gli effetti di quella crisi furono immediati anche in Italia dove, per esempio, si riscontrò una perdita immediata del 30% nelle esportazioni del nostro settore tessile, innescando una crisi occupazionale in tutti i settori, dalla quale non ci siamo più ripresi.

L’economia ci insegna che dove si sposta la produzione, sI sposta la ricchezza e in ragione di cio diviene chiaro che in Europa ed in Italia le conseguenze si fecero sentire immediatamente nel breve e nel medio termine. Vista con altri occhi, una crisi europea era necessaria dato che, in questo modello Liberal-Capitalista essendo un sistema di Libero Mercato, per continuare ad essere competitivi, bisognava assolutamente abbassare i costi di produzione in Europa, parzialmente recuperati con la delocalizzazione delle societa occidentali nell Europa dell’Est per arginare un PIL europeo che rischiava di perdere costantemente ma inesorabilmente punti. L’entrata della Cina nel WTO puntellò la loro dottrina che si manifestava in un puro Capitalismo di Stato.

Ad altissimi livelli, si decise di intervenire per mantenere un decente livello occupazionale. I poteri forti ritennero che l’unica soluzione possibile era quella di abbassare il piu possibile i costi di produzione (delocalizzandoli), utilizzando l’unico mezzo proponibile ed efficace, ossia innescare una crisi economica che avrebbe dato il via ad una serie di cambiamenti nel settori produttivi, facendo pagare il prezzo più salato alla popolazione, che vide diminuire di molto il proprio potere d’acquisto. Infettarono l’Europa con prodotti tossici che oggi vengono generalmente definiti SUBPRIME. Ne consegui un peggioramento delle condizioni contrattuali per i lavoratori e l’ottenimento di ulteriori agevolazioni per le aziende, in primis Corporation e Multinazionali.

Oggi, a causa del COVID-19 l’economia globale sta crollando e la Cina Sta perdendo miliardi di dollari in esportazioni rischiando una caduta pericoloso. La pandemia da COVID-19, suo malgrado, potrebbe paradossalmente aprire una nuova e positiva fase verso un nuovo modo di concepire le dinamiche del Mercato (e consequentemente la vita delle persone), dando al Sistema, un nuovo assetto a livello globale, per arrivaer ad un riequilibrio finale in cui sarà necessario applicare il principio dei vasi comunicanti”, uniformando ed armonizzando il Mercato mondiale in un pieno assendo Multipolare.

M.M.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.